Ormai l’emergenza Coronavirus è dilagata ed è arrivata anche negli USA.

Si sa, come ogni persona reagisce a modo proprio, anche tutti popoli si differenzino tra loro nelle reazioni ad avvenimenti importanti.

Ne è testimone l’italiana Clio Zammatteo, meglio conosciuta come Clio Make-Up, la mak e-up artist, guru del beauty che, ormai da più di 10 anni, vive e lavora nella città di New York.

Insieme a lei, il marito Claudio e la figlia Grace, sono i protagonisti dei suoi video e delle sue foto nei social. 

La beauty influencer, che da sempre dispensa consigli non solo sul trucco ma anche sulla cura del corpo, sui capelli e sulla moda, ha raccontato ai suoi 2 milioni di follower come gli abitanti della grande mela stiano reagendo all’emergenza.

“Come potete vedere dallo sfondo alle mie spalle non sono più a New York. L’altro ieri sera abbiamo avuto un momento dove ci siamo sentiti un po’ persi, io e Claudio, per la situazione: ovvero New York non era più una città da considerarsi sicura per noi e nelle mie condizioni, soprattutto. Quando vedi gente che invece di andare a comprare carta igienica, va a comprare armi e fanno le file fuori ai negozi; quando pensi al livello di povertà che c’è nella città, purtroppo, quando inizi a pensare che non è mai successa una cosa del genere e che il popolo americano non è per niente uguale a quello italiano…abbiamo iniziato ad avere paura.

Più che del virus, della reazione della gente, di quello che poteva succedere attorno a noi e non ci siamo sentiti sicuri soprattutto con una bambina piccola e una in arrivo. […]

Non so cosa ne sarà perché qua (dall’amica Giuliana, dalla quale si è trasferita, e che abita in campagna) non ho neanche il dottore, è tutto un po’ così, ma almeno mi sento sicura. […]

E’ una situazione da film e, come tale, abbiamo deciso di andarcene, di essere in un numero maggiore, in un clima più sereno anche per Grace (figlia di Clio, di appena 3 anni).”

Mentre, in Italia, in un clima di paura per il virus che dilaga, con la quarantena e l’isolamento forzato a cui siamo costretti, si canta sui balconi, si appendono striscioni con l’arcobaleno e si diffonde l’hashtag “andrà tutto bene”, negli USA, le persone fanno la cosiddetta “corsa alle armi”.

Clio afferma che moltissimi suoi follower, quasi tutti italiani, non capiscono questa reazione.

L’esperta di beauty ha spiegato che:

“Se tu non hai niente da perdere, se tu non hai soldi per comprarti da mangiare, […] se ti senti in trappola, e per l’americano sappiamo che la libertà è la cosa numero uno, si arriva al punto dove è la mia vita o la tua.

Non c’è quel ‘Teniamoci la mano e cantiamo’, c’è la mia vita o la tua.”

Il concetto che cerca di spiegare, tra momenti di commozione, è che, in una società come quella americana, dove la sanità non è pubblica, si passa da quartieri ricchi a palazzi popolari dove le gang dilagano, nessuno è al sicuro.

Noi, in questo momento di difficoltà, ci siamo stretti e uniti gli uni vicino agli altri, lo Stato ci aiuta e gli ospedali sono pronti ad accogliere ed a provar ad aiutare chiunque stia male.

Three Solution vuole essere vicino alla beauty guru italiana e come a tutte le nostre attività commerciali, nella speranza di rivedere e riabbracciare presto.

Ti aspettiamo,

Lo Staff – Three Solution